Call Center 800.466.466 / 041.96.555.30

Guasti servizio idrico 800.896.960

Autolettura contatore idrico 800.212.742

Asporto ingombranti 800.811.333

Altri

Aperto nella sede Veritas di Sant'Andrea il museo dell’acquedotto di Venezia

Martedì 9 Gennaio 2018

Acqua

È aperto a Venezia, nella sede di Veritas di Sant’Andrea, il nuovo museo dell’acquedotto. È il primo di una serie di strutture che saranno aperte, compatibilmente con gli spazi a disposizione, nelle sedi di acquedotto di Veritas.
Si tratta di una sala espositiva, aperta al pubblico da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 12.30 (su prenotazione per gruppi e scuole), in cui sono esposti foto e documenti che raccontano la storia dell’approvvigionamento idrico in Laguna, partendo dalla fondazione di Venezia fino ad arrivare ai giorni nostri.

L’acquedotto di Venezia è stato inaugurato il 23 giugno 1884. Per l’occasione, in una Piazza San Marco illuminata a giorno, fu allestita una fontana dalla quale sgorgava l’acqua dell’acquedotto.

In mostra ci sono immagini recuperate da lastre di fine Ottocento, contratti di fornitura e acquisto di terreni, progetti e disegni ad acquerello di lavori per l’allargamento della rete, e una dozzina di contatori (dal 1929 a quelli attuali per la lettura a distanza. Nella sala è presente un famoso pezzo storico: il motore ausiliario Tosi del 1939, in funzione fino al 1992 per alimentare una pompa di riserva dell’acquedotto.

“La storia dell’acquedotto veneziano che da oltre 130 anni serve i cittadini della città insulare - ha dichiarato il Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, inaugurando il museo - testimonia quanto moderna sia sempre stata Venezia. Vedere con quale cura e attenzione anche oggi viene mantenuto funzionante ed efficiente il patrimonio delle infrastrutture idriche comunali merita un ringraziamento alla nostra azienda Veritas e a tutti quelli che ci lavorano con dedizione ogni giorno. Da oggi, ogni cittadino potrà conoscere qualcosa in più della storia della sua straordinaria città”.