Call Center 800.466.466 / 041.96.555.30

Guasti servizio idrico 800.896.960

Autolettura contatore idrico 800.212.742

Asporto ingombranti 800.811.333

Altri

In discussione alla Commissione Finanze della Camera la risoluzione sull'applicazione dell'Iva alla Tia 1 e 2

Martedì 21 Marzo 2017

Rifiuti

La Commissione Finanze della Camera ha iniziato la discussione della risoluzione sulle problematiche relative all'applicazione dell'Iva alla tariffa di igiene ambientale (Tia 1) e alla tariffa integrata ambientale (Tia 2).

Con la sentenza 238/2009, la Corte Costituzionale ha riconosciuto la natura tributaria della tariffa di igiene ambientale (cosiddetta Tia 1). Secondo la Corte, sussistono infatti tutti i requisiti necessari per configurare il prelievo come tributo: l'obbligatorietà del pagamento, dovuto per i servizi relativi alla gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti di qualunque natura o provenienza giacenti sulle strade ed aree pubbliche e soggette ad uso pubblico, nelle zone del territorio comunale, da "chiunque occupi oppure conduca locali, o aree scoperte ad uso privato non costituenti accessorio o pertinenza dei medesimi, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale"; la struttura autoritativa e non sinallagmatica, "che emerge sotto svariati e concorrenti profili: a) i servizi concernenti lo smaltimento dei rifiuti devono essere obbligatoriamente istituiti dai Comuni, che li gestiscono, in regime, appunto, di privativa, sulla base di una disciplina regolamentare da essi stessi unilateralmente fissata; b) i soggetti tenuti al pagamento dei relativi prelievi non possono sottrarsi a tale obbligo adducendo di non volersi avvalere dei suddetti servizi; c) la legge non dà alcun sostanziale rilievo, alla volontà delle parti nel rapporto tra gestore ed utente del servizio, mentre i criteri di commisurazione del prelievo sono analoghi a quelli previsti per la tariffa sui rifiuti, la cui natura tributaria non è mai stata posta in dubbio, né dalla dottrina né dalla giurisprudenza.
Ha ricordato inoltre che la predetta sentenza della Corte ha trovato successiva conferma nelle pronunce della giurisprudenza di legittimità. Da ultimo, nella recente sentenza delle Sezioni unite della Corte di Cassazione, 5078/2016, che ha ulteriormente confermato come la Tia 1 non debba essere assoggettata all'Iva. Anche le Sezioni unite hanno riconosciuto la presenza di "elementi autoritativi" tra cui l'assenza di volontarietà nel rapporto, la predeterminazione dei costi da parte del soggetto pubblico e l'assenza della corrispettività tra le prestazioni. Alberti ha rilevato quindi come i principi affermati dalla Consulta e dalla giurisprudenza di legittimità in materia di Tia 1 possano essere estesi anche alla tariffa integrata ambientale (cosiddetta Tia 2), successivamente qualificata come entrata di natura patrimoniale, con norma di interpretazione autentica, dall'articolo 14, comma 33, del decreto-legge 78/ 2010 (recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica).
Con la circolare 3/DF/2010 dell'11/11/2010, infatti, il Dipartimento delle Politiche fiscali del Minstero dell'Economia ha sostenuto che la Tia 2 si applica sulla base degli stessi criteri stabiliti nel decreto del Presidente della Repubblica 158/1999 su cui si fonda la Tia 1. Al riguardo ha sottolineato come la Tia 1 e Tia 2 debbano considerarsi entrambe entrate di natura tributaria alla luce della qualificazione data in tal senso dalla giurisprudenza costituzionale e di legittimità, a nulla rilevando il nomen iuris utilizzato dalla normativa che disciplina i prelievi e la natura patrimoniale attribuita per legge.
Nel sottolineare come molti cittadini si siano attivati inoltrando richieste di rimborso, sostenuti anche dalle associazioni dei consumatori e come, tuttavia, ancora oggi la gran parte dei concessionari incaricati della riscossione non si siano adeguati agli orientamenti giurisprudenziali, ha affermato di ritenere allarmante la risposta ricevuta in data 18/7/2016 dal servizio clienti della società Etra spa (la multiutility che si occupa della gestione del servizio idrico integrato e la gestione dei rifiuti nei territori tra altopiano di Asiago fino ai colli Euganei), con la quale, a seguito di una richiesta di restituzione dell'Iva da parte di un cittadino, il soggetto gestore ha affermato che, in attesa di un intervento chiarificatore del legislatore o dell'emanazione di linee guida da parte degli apparati statali competenti, «ha presentato all'Agenzia delle entrate, in via prudenziale, istanza di rimborso dell'Iva versata negli anni pregressi 2006-2015.
Pertanto non appena Etra spa avrà comunicazione da parte dell'Agenzia delle entrate provvederà ad informare tempestivamente tutti i suoi clienti". Tale vicenda fa dunque emergere il protrarsi di uno stato di incertezza in cui le società di gestione dei servizi continuano ad applicare l'IVA sulla tariffa ambientale e contemporaneamente presentano istanza di rimborso all'Agenzia delle entrate mentre diverse circolari del Ministero dell'Econimia e alcune risoluzioni dell'Agenzia delle entrate propendono per l'applicazione dell'IVA alla Tia, in totale contrasto con il richiamato orientamento giurisprudenziale. In tale contesto la risoluzione impegna il Governo ad assumere iniziative normative al fine di definire la controversa applicazione dell'IVA alla Tia 1 e alla Tia 2, dichiarando la natura tributaria delle tariffe ed escludendo pertanto l'applicazione dell'IVA, e prevedendo misure volte a garantire il rimborso delle somme illegittimamente versate dai cittadini.
 

Testo della risoluzione

La VI Commissione, premesso che: con la sentenza 238/2009, pubblicata il 27/7/2009, la Corte costituzionale ha riconosciuto la natura tributaria della tariffa di igiene ambientale di cui all'articolo 49 del decreto legislativo 22 del 5/2/1997 (cosiddetto Tia 1). Secondo la Corte, sussistono tutti i requisiti necessari per configurare il prelievo come tributo: l'obbligatorietà del pagamento, dovuto per i servizi relativi alla gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti di qualunque natura o provenienza giacenti sulle strade ed aree pubbliche e soggette ad uso pubblico, nelle zone del territorio comunale, da "chiunque occupi oppure conduca locali, o aree scoperte ad uso privato non costituenti accessorio o pertinenza dei medesimi, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale"; la struttura autoritativa e non sinallagmatica, "che emerge sotto svariati e concorrenti profili: a) i servizi concernenti lo smaltimento dei rifiuti devono essere obbligatoriamente istituiti dai Comuni, che li gestiscono, in regime, appunto, di privativa, sulla base di una disciplina regolamentare da essi stessi unilateralmente fissata; b) i soggetti tenuti al pagamento dei relativi prelievi (salve tassative ipotesi di esclusione o di agevolazione) non possono sottrarsi a tale obbligo adducendo di non volersi avvalere dei suddetti servizi; c) la legge non da alcun sostanziale rilievo, genetico o funzionale, alla volontà delle parti nel rapporto tra gestore ed utente del servizio»; mentre i criteri di commisurazione del prelievo sono analoghi a quelli previsti per la tariffa sui rifiuti, la cui natura tributaria non è mai stata posta in dubbio né dalla dottrina né dalla giurisprudenza; la sentenza della Corte ha trovato successiva conferma nelle pronunce della giurisprudenza di legittimità. Da ultimo, nella recente sentenza delle Sezioni Unite della Corte di cassazione, 5078/2016, depositata il 15/3/2016, che ha ulteriormente confermato che la Tia 1 non debba essere assoggettata all'Iva. Anche le Sezioni unite hanno riconosciuto la presenza di «elementi autoritativi» tra cui l'assenza di volontarietà nel rapporto, la predeterminazione dei costi da parte del soggetto pubblico e l'assenza della corrispettività tra le prestazioni; i principi affermati dalla Consulta e dalla giurisprudenza di legittimità in materia di Tia 1 possono essere estesi anche alla tariffa integrata ambientale di cui all'articolo 238 del decreto legislativo 152 del 3/4/2006 (cosiddetta Tia 2), successivamente qualificata come entrata di natura patrimoniale con norma di interpretazione autentica (articolo 14, comma 33, del decreto-legge 78/2010). Con la circolare 3/DF/2010 dell'11/11/2010, infatti, il dipartimento delle Politiche fiscali ha evidenziato che la Tia 2 si applica sulla base degli stessi criteri stabiliti nel decreto del Presidente della Repubblica 158/1999 su cui si fonda la Tia1: «La circostanza che la Tia2 – si legge nella circolare – possa in definitiva essere regolata dalle disposizioni inerenti la Tia1, conduce a concludere che i prelievi presentano analoghe caratteristiche ... discende, quindi, che i comuni che applicano attualmente la Tia1 in concreto adottano già il regime Tia2, grazie all'anello di congiunzione operato dal legislatore con il comma 2-quater, dell'articolo 5 e, pertanto, non appare necessaria alcuna innovazione regolamentare, a meno che i comuni non ritengano opportuno esplicitare maniera formale, attraverso riferimenti normativi, l'adozione della Tia2"; da tali considerazioni discende che Tia 1 e Tia 2 debbono considerarsi entrambe entrate di natura tributaria alla luce della qualificazione data in tal senso dalla giurisprudenza costituzionale e di legittimità, a nulla rilevando il nomen iuris utilizzato dalla normativa che disciplina i prelievi e la natura patrimoniale attribuita per legge (vedere ex plurimis: Corte costituzionale, sentenze 238/2009; 141/2009; 335 e 64/2008; 334/2006 e 73/2005); molti cittadini si sono attivati inoltrando richieste di rimborso, sostenuti anche dalle associazioni dei consumatori; tuttavia, ancora oggi la gran parte dei concessionari incaricati della riscossione non si sono adeguati agli orientamenti giurisprudenziali. Allarmante è la risposta ricevuta in data 18/7/2016 dal servizio clienti della società Etra Spa (la multiutility che si occupa della gestione del servizio idrico integrato e la gestione dei rifiuti nei territori tra Altopiano di Asiago fino ai Colli Euganei, comprendendo l'area del Bassanese, l'Alta Padovana e la cintura urbana di Padova): facendo seguito ad una richiesta di restituzione dell'Iva da parte di un cittadino, il concessionario ha risposto che in attesa di un intervento chiarificatore del legislatore o dell'emanazione di linee guida da parte degli apparati statali competenti, "ha presentato all'Agenzia delle entrate, in via prudenziale, istanza di rimborso dell'IVA versata negli anni pregressi 2006-2015. Pertanto non appena Etra Spa avrà comunicazione da parte dell'Agenzia delle entrate provvederà ad informare tempestivamente tutti i suoi clienti". Si protrae quindi lo stato di incertezza applicativa per cui le società di gestione dei servizi continuano ad applicare l'IVA sulla tariffa ambientale e contemporaneamente presentano istanza di rimborso all'Agenzia delle entrate; sul fronte ministeriale, le circolari del Ministero dell'economia e delle finanze (111/1999, n. 3/DF/2010) e le risoluzioni dell'Agenzia delle entrate (25/2003 e 250/2008) propendono per l'applicazione dell'Iva alla Tia, in totale contrasto con l'orientamento giurisprudenziale; tuttavia, in risposta all'interrogazione 5-09697, svolta presso la VI Commissione Finanze della Camera dei deputati, il Ministero dell'economia e delle finanze ha evidenziato che la questione è all'attenzione delle competenti strutture dell'amministrazione finanziaria che hanno avviato gli approfondimenti istruttori volti ad individuare una soluzione idonea a contemperare le istanze dei cittadini utenti del servizio con le esigenze connesse al rispetto dei saldi di finanza pubblica; è stato accolto come raccomandazione l'ordine del giorno 9/4127-bis-A/46 con il quale si chiedeva al Governo di impegnarsi ad individuare una soluzione alla questione, impegna il Governo: ad assumere iniziative normative al fine di definire la controversa applicazione dell'IVA alla tariffa di igiene ambientale di cui all'articolo 49 comma 3, del decreto legislativo 22/1997 (Tia 1) e alla tariffa integrata ambientale di cui all'articolo 238 del decreto legislativo 152 del 3/4/2006  (Tia 2) dichiarando la natura tributaria delle tariffe ed escludendo pertanto l'applicazione dell'IVA, in armonia con i princìpi sanciti dalla Corte costituzionale con la sentenza delle Sezioni Unite della Corte di cassazione 5078/2016, depositata il 15/3/2016; a prevedere, compatibilmente con i saldi di finanza pubblica, misure volte a garantire il rimborso di eventuali somme illegittimamente versate dai cittadini in conseguenza dell'applicazione dell'Iva sulla Tia 1 e Tia 2 da parte dei comuni e dei concessionari del servizio di riscossione.