Peer education per le scuole superiori di secondo grado

Il termine inglese Peer Education (educazione fra pari) indica il passaggio di conoscenze, emozioni ed esperienze da parte di alcuni membri di un gruppo ad altri membri di pari status. Si tratta di un intervento che mette in moto un processo di comunicazione caratterizzato dalla sintonia tra i soggetti coinvolti. Segna una rottura con i modelli tradizionali centrati sulla figura dell’adulto esperto e competente e offre la possibilità di promuovere il protagonismo dei ragazzi. Per questo motivo Veritas fornisce alle scuole secondarie di secondo grado anche l’opportunità di sperimentare un approccio diverso. La finalità di questa proposta è di superare una difficoltà, spesso riscontrata in aula, di suscitare vero interesse e partecipazioni nei ragazzi delle prime classi, poco propensi a farsi coinvolgere, anche su temi ambientali. Questo sistema offre la possibilità di valorizzare il ruolo dei ragazzi più grandi, di stimolare la partecipazione dal basso, capace di raggiungere con maggiore efficacia gli obiettivi. Facendo infatti leva sui fattori di identità generazionale, è possibile favorire nei coetanei la riflessione sui comportamenti da adottare. Inoltre, l’uso di tecniche non convenzionali facilita un apprendimento più naturale ed emozionale e attiva un processo a cascata tra una generazione di peer educator e quella successiva, grazie alla dinamica del contagio tra giovani appartenenti a diverse realtà ed età. Il progetto prevede un incontro di 4 ore con le classi quarte e quinte delle scuole superiori di secondo grado in cui, oltre a un’approfondita conoscenza dell’argomento specifico (acqua o rifiuti) e la trasmissione del materiale necessario, saranno impartite anche alcune nozioni di base sulla comunicazione e sulla formazione peer to peer.