Call Center 800.466.466 / 041.96.555.30

Guasti servizio idrico 800.896.960

Autolettura contatore idrico 800.212.742

Asporto ingombranti 800.811.333

Altri

Fondo perdite idriche occulte

Veritas ha istituito un fondo per perdite idriche occulte, per coprire la maggior parte degli oneri causati da perdite idriche invisibili nella rete idrica interna, dopo il contatore.

Nella maggior parte dei casi, le perdite d’acqua non visibili si manifestano solo dopo aver ricevuto una bolletta idrica con importi molto alti. Il fondo, quindi, è un'assicurazione pensata da Veritas a tutela dei cittadini e delle loro bollette.

La gestione del fondo è disciplinata dal regolamento, approvato nel 2014 e modificato nel 2016 dal Consiglio di bacino laguna di Venezia, nel quale sono individuate le tipologie di perdita occulta che permettono di ottenere un rimborso:

  • rottura verificatasi a valle del contatore e derivata da fatto accidentale, fortuito, involontario, riconducibile a vetustà e/o corrosione del tratto di derivazione post‐contatore e dell’impianto interno di utilizzazione;
  • perdita non rilevabile esternamente in modo diretto ed evidente perchè si è verificata in una parte dell’impianto interrata o sepolta nella muratura o nel conglomerato di cemento.

Non sono coperti dal Fondo difetti agli impianti (ad esempio autoclavi, wc, impianti frigoriferi, impianti di irrigazione, impianti di condizionamento o scarichi) o ai rubinetti interni, danneggiamenti in occasione di interventi di riparazione effettuati dall’utente, rotture provocate dall’utente o da terzi, o conseguenti a lavori edili e/o stradali e/o da scavi e/o da sbancamento del terreno nonché conseguente a ogni specie di danno indiretto.


Come aderire al Fondo

È possibile aderire al Fondo direttamente dallo sportello online: effettuando la registrazione, verrà automaticamente proposta la procedura di adesione sui contratti del servizio idrico non ancora coperti dal fondo. 

In alternativa, deve essere compilato, sottoscritto e consegnato a Veritas il modulo di adesione al Fondo per perdite idriche occulte, qui allegato. I nuovi utenti devono invece compilare il modulo attivazione-subentro servizio idrico, compresa la sezione riservata al Fondo.
Il modulo deve essere sottoscritto dall’utente o suo delegato; per le utenze condominiali deve essere sottoscritto dall’amministratore in carica o da delegato. L’utente al momento dell’adesione non deve avere perdite in corso.
Il modulo, corredato della documentazione necessaria indicata all’interno dello stesso, può essere consegnato attraverso una delle seguenti modalità:

  • presso uno degli sportelli Veritas;
  • tramite posta ordinaria all'indirizzo Veritas spa, Santa Croce 489, 30135 Venezia;
  • via fax al numero 041 7291150;
  • via e-mail all'indirizzo clienti@gruppoveritas.it.


Quanto costa aderire al Fondo

  • utenza domestica quota mensile 0,95 euro;
  • utenza condominiale per ogni unità abitativa domestica quota mensile 0,95 euro;
  • utenza condominiale per ogni unità abitativa non domestica quota mensile 1,95 euro;
  • utenza non domestica quota mensile 1,95 euro.


Come ottenere il rimborso

Nel Regolamento fondo per perdite idriche occulte, qui allegato, sono specificate le condizioni per ottenere il rimborso in caso di sinistro e i criteri per la sua quantificazione. La richiesta di rimborso deve essere presentata compilando il modulo denuncia di perdita idrica occulta.
In caso di perdita idrica occulta con dispersione sul terreno dell’acqua (quindi non in fognatura), è possibile chiedere il rimborso del canone di fognatura e depurazione attraverso il modulo di denuncia di perdita idrica occulta.
 

Come viene calcolato il rimborso

I metri cubi di perdita, oggetto di rimborso, sono dati dalla differenza fra il consumo medio giornaliero nel periodo in cui si è verificata la perdita e un consumo medio giornaliero di riferimento moltiplicato per i giorni di perdita.
Il rimborso dei metri cubi di perdita avviene se il consumo medio giornaliero nel periodo in cui si è verificata la perdita è superiore del 30% del consumo di riferimento.
L’importo del rimborso viene così calcolato: metri cubi di perdita x 70% della tariffa.
Nel Regolamento sono specificati i criteri di valutazione del consumo medio giornaliero in base alla tipologia d'utenza.