Codice etico e privacy

Codice etico

Veritas è una delle prime multiutility italiane a dotarsi di un Codice etico, in ottemperanza all’atto di indirizzo del Consiglio comunale.
Il Codice etico è il documento guida per amministratori, dipendenti e collaboratori dell’azienda. Individua infatti i valori di riferimento dell’attività societaria, nel rispetto delle leggi, dei principi di lealtà e correttezza professionale e dell’efficienza economica. Fissa, in sostanza, valori di comportamento uguali per tutti.

Il decreto legislativo 231/2001, che ha introdotto il concetto di responsabilità penale degli enti, in aggiunta a quella della persona che ha materialmente commesso l’illecito, contempla una forma di “esonero” da responsabilità dell'ente se si dimostra di aver adottato ed efficacemente attuato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire la realizzazione degli illeciti penali considerati. Da tale modello discende il Codice etico.

Un Organismo di vigilanza, composto dall'avvocato Raffaele Cusmai (presidente), dalla dottoressa Fiorella Gottardo e dal dottor Paolo Castaldini si occupa dell'applicazione del modello e del Codice etico di Veritas.

Il documento sancisce l’impegno di Veritas relativamente al rispetto dei diritti delle persone, senza discriminazione operando con equità e imparzialità. Inoltre, garantisce la trasparenza all’interno e all’esterno dell’azienda e l'impegno a migliorare l’efficacia e l’efficienza dei processi aziendali.
Il Codice delinea anche l’impegno di Veritas per la difesa dell’ambiente e fissa alcuni criteri di condotta, quali, ad esempio, l'obbligo di fornire agli azionisti informazioni accurate, vere e tempestive e ad assicurare la massima trasparenza nei confronti del mercato; per quanto attiene ai dipendenti e collaboratori esterni, viene garantita indipendenza nelle selezioni e nelle assunzioni; nella gestione  del personale equità, pari opportunità e assenza di discriminazioni nei rapporti di lavoro; tutela della sicurezza e della salute.

Il Codice etico fissa anche modalità di comportamento per tutti i dipendenti Veritas. Ad esempio, è sancito il divieto di richiedere e accettare regali o favori da persone, ditte e fornitori.

Allo scopo di dare applicazione a tali principi sono state redatte specifiche procedure interne, una delle quali riguarda il servizio di asporto rifiuti ingombranti, di particolare importanza per i cittadini, per il quale è stata emanata la disposizione anch'essa disponibile qui sotto in formato pdf.

Tutti i soggetti interessati dal presente Codice sono tenuti a segnalare, eventuali inosservanze e ogni forma di violazione, anche potenziale – ovvero di aggiramento − del presente Codice. Le segnalazioni dovranno essere indirizzate all’Organismo di Vigilanza o al Responsabile Prevenzione della Corruzione nelle materie di rispettiva competenza per il tramite degli indirizzi mail appositamente dedicati:

Le segnalazioni dei dipendenti sono soggette alle tutele previste dalla normativa in materia di “whistleblowing”, nella misura e secondo le modalità espressamente indicate nel Piano triennale di prevenzione della corruzione. I soggetti destinatari delle segnalazioni (Organismo di vigilanza o Responsabile prevenzione della corruzione) valutano l’effettiva violazione della normativa o del Codice etico e le segnalano alla struttura preposta per la necessaria attività istruttoria e per le eventuali sanzioni.
 

AllegatoDimensione
Codice etico401.17 KB

Informativa sul trattamento dei dati personali per selezione e assunzione del personale

Informativa sul trattamento dei dati personali
per selezione e assunzione del personale

La presente informativa è resa da Veritas spa, in conformità a quanto previsto dall’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (General Data Protection Regulation, in seguito GDPR).
 

1. Identità e dati di contatto

  • titolare del trattamento dei dati personali
    Veritas spa, con sede legale in Santa Croce, 489 – 30135 Venezia (VE)
  • responsabile della protezione dei dati personali (RPD)
    contattabile presso la sede legale in Santa Croce 489, 30135 Venezia (VE)
    e-mail rpd@gruppoveritas.it
    pec rpd@cert.gruppoveritas.it
     

2. Finalità del trattamento

Salva la finalità del trattamento per adempiere ad obblighi previsti da leggi, da regolamenti e dalla normativa comunitaria, ovvero a disposizioni impartite dalle Autorità a ciò legittimate dalla legge e da organi di vigilanza e controllo, i dati personali sono trattati, con strumenti cartacei ed elettronici per l’espletamento di attività connesse a procedimenti di selezione e/o somministrazione di lavoro temporaneo e non.
La raccolta dei dati personali viene effettuata attraverso il trattamento dei dati forniti, anche di natura sensibile e giudiziaria, per la candidatura, attraverso l’utilizzo di posta elettronica certificata (Pec), posta ordinaria e/o raccomandata, consegna a mano dei documenti presso le sedi di Veritas spa.
 

3. Eventuali destinatari o categorie di destinatari dei dati personali

Salva la possibilità di consultazione da parte della competente Autorità giudiziaria o di Polizia, i dati personali potranno essere conosciuti nello specifico ambito procedimentale dal personale, appositamente autorizzato, delle strutture di Veritas spa e delle società del Gruppo Veritas.
I dati potranno essere comunicati anche a società esterne, appositamente autorizzate, necessarie al raggiungimento delle finalità di cui al precedente punto 2 (quali ad esempio società specializzate nella ricerca e selezione del personale e/o società di somministrazione di lavoro temporaneo).
 

4. Periodo di conservazione dei dati personali o criteri utilizzati per determinare tale periodo

I dati personali saranno conservati per 10 anni, dalla data di conclusione della selezione.
 

5. Diritti dell’interessato

Si ricorda che l’interessato ha diritto di esercitare i seguenti diritti:
(i) chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento;
(ii) chiedere al titolare la portabilità dei dati, secondo quanto previsto dall’art. 20 del GDPR;
(iii) proporre reclamo all’autorità di controllo competente (ad esempio nello Stato membro in cui l’interessato risiede abitualmente, lavora o del luogo ove si è verificata la presunta violazione), secondo quanto previsto dall’art. 79 del GDPR fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale.
 

6. Natura del conferimento dei dati personali e conseguenza della loro mancata comunicazione

Il conferimento dei propri dati personali da parte dell’interessato è facoltativo. Tuttavia il mancato conferimento degli stessi pregiudicherà la possibilità di accedere a tutte le fasi delle procedure di selezione del personale.
 

7. Eventuale esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione

Non è presente un processo decisionale automatizzato e non sono previste attività di profilazione.

scarica l'informativa in formato pdf